Bologna-Milano insieme a Poeta

Peppe Poeta mi ha mandato la sua personalissima classifica dei ristoranti bolognesi. Io propongo invece quattro idee per mangiare a Milano e dintorni. Giusto per giocarci Virtus-Olimpia anche a tavola, dopo averla assaporata con i ricordi di Toni Cappellari e su Radio24 con Basketchef. Insomma, un servizio completo per la partitissima di domani sera su RaiSat.

Questa la Top 3 di Peppe Poeta

1- Ristorante Alice, in via Massimo D’Azeglio. Il pezzo forte del locale è la maratona di antipasti.

2- Trattoria Bertozzi in via Andrea Costa. Grandi porzioni e spesa contenuta.

3- Ristorante E’ Cucina Senzanome, via Senzanome. Apprezzatissima e gettonatissima la pausa pranzo.

Qui invece tre proposte milanesi un pà fuori dagli schemi

1- Erba brusca, orto con cucina sui Navigli. Il brunch della domenica è notevole. Leggete qui. Il menù cambia tutti i giorni. Magari stasera, dopo il cinema…

2- MD Cafè, dalle parti del Naviglio Grande. Un panino al bancone oppure una piatto di tortelli di zucca seduti. Cucina mantovana di buon livello, sandwiches interessanti.

3- Latteria Agricola a Lainate, sulla strada per Rho.  Qui tutti i menù, mi viene consigliato per un pranzo della domenica – a prezzo fisso – con prelibatezze di ogni tipo rigorosamente autoprodotte. Idea interessante e carta da sballo. Presto apriranno uno shop davanti alla locanda, per vendere formaggi e salumi: i gelati puoi già portarteli a casa adesso.

Annunci

1 commento

  1. Marco Valenza

    Sono stato a pranzo al Ristorante Alice in via D’Azeglio su segnalazione di basketkitchen… Che dire? E’ stata una faticosa maratona fino alla battuta finale del conto. Passando per… 1) un sangiovese superiore in bottiglia (14 euro!!!) servito in bicchiere piccolo da acqua; 2) su mia richiesta, passaggio a bicchiere adatto a vino rosso, entrambi con macchie interne da acqua asciugata male e (fortunatamente) esterne da sporco; 3) bagno unico uomini-donne intasato quindi sporco e con scarico non funzionante; 4) cameriere colto ad occuparsi di provare a sistemare il problema del bagno; 5) 2 (dicasi: due) cani in sala; nulla contro i cani come categoria animale, ma all’interno di una sala ristorante per essere umani neanche tanto spaziosa possono creare problemi a chi si trova a disagio, oltre agli ovvi problemi di igiene; 6) bicchierino finale di limoncello con annesso vistosissimo pelo, non si sa se del suddetto cameriere o più probabilmente di uno dei cani. Il cibo buono. Il conto non esagerato per una bettola, ma esagerato tenuto conto del tutto; sia pure condito dalla battuta finale del cameriere: “Il limoncello lo offro io”. E ci mancherebbe altro!!!
    Penso che neanche con lauto ingaggio ci tornerei.
    Pochi giorni prima, da Bertozzi, tutto ok. Va detto.
    Se servono dritte più accurate su locali ad hoc a Bologna, sono a disposizione.
    Marco Valenza

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...