Taste, i miei consigli

Inizia un’edizione ricchissima di Taste alla Stazione Leopolda di Firenze. Non ci sarò per altri impegni, ma ho il piacere di segnalarvi i miei consigli. Avviso ai naviganti: i miei non sono consigli legati a “classifiche” ma a conoscenza del prodotto e degli espositori. in pratica c’è la mia vita, a tappe, attraverso queste #cosebuone

176 ACETAIA DI MONTERICCO, stand C60: l’aceto balsamico, quello vero, da Reggio Emilia, la città di mia madre.

ACQUA PLOSE, stand c18: da Bolzano eccellenti succhi di frutta.

AMARETTI GIACOBBE, stand D37: dal Sassello (SV) alcuni dolci della mia infanzia

ANGOLO DI PARADISO, stand E16:  da Amandola, Monti Sibillini, yogurt e latte che fanno miagolare.

AZIENDA AGRICOLA LA GOLOSA, stand D76: da Montelparo (FM) le confetture, i succhi e le “non” sciroppate del geniale Maurizio Curi.

AZIENDA AGRARIA PAOLO PETRILLI, stand B7: da Foggia le migliori conserve che ho mai messo in un piatto.

CIOCCOLATO BODRATO, stand C46: da Novi Ligure, non il solito cioccolato.

CODA NERA, stand B92: la NEF di Ancona distribuisce un salmone da cui non tornerete più indietro. Lo compro da Azzurra a Numana.

PARCO SERENO, stand A46: la cooperativa della magica lenticchia di Castelluccio.

FILOTEA, stand A22: la pasta all’uovo, in Ancona.

FRIULTROTA, stand A49: da quando mi hanno messo a regime, trota e sgombro come se piovesse. Buonissimi.

GIRAUDI, stand D43:  a Castellazzo Bormida (AL) fanno grande cioccolato da 100 anni.

IL BORGO DEL BALSAMICO, stand B21: torniamo in provincia di Reggio, sempre per un aceto serio.

KOHL, stand D40: qui si vince facile, come trasformare il succo di mela in qualcosa di indimenticabile in almeno 15 versioni.

KRUMIRI ROSSI, stand D61: i biscotti della vita. Quando ero bambino e arrivava la scatola rossa, era sempre una grande festa.

LA GALLINARA, stand A53: se nella vostra vita avete mangiato qualche chilo di patè di olive, fateci un salto.

LA NICCHIA, stand B15: da Pantelleria una serie di prodotti “unici” che hanno spesso fatto piangere il mio bancomat. Dio preservi i cucunci.

PASTA MANCINI, stand B13: la nuova linea degli integrali, oltre allo spaghetto che ha cambiato il mondo.

PASTICCERIA GIOTTO, stand D48:  dal carcere di Padova la colomba per la vostra Pasqua. Assaggiata a Identità Golose, ripetutamente.

PASTIFICIO BENEDETTO CAVALIERI, stand B3: dalla Puglia la pasta che ha cambiato la pasta.

SAINT MARCEL, stand A65: bei tempi quando si mangiava il prosciutto crudo a Courmayeur. Rigorosamente questo.

SALAME DI VARZI DOP, stand b67: bei tempi pure questi, quando si andava a Varzi alla faccia della glicemia. IL salame.

SCYAVURU, stand D97: quando me ne andai dalla Sicilia, indigestione di crema al pistacchio.

SPINOSI, stand A44: da Campofilone con furore, maccheroncini e packaging “neo pop”.

URSINI, stand B17:  da Fossacesia (Abruzzo) un grande olio ma soprattutto dei manicaretti che creano dipendenza. Tutti fatti a mano.

LA VALDOTAINE, stand A65:  una delle mie prime storte post adolescenziali di grappa. La serata non finì benissimo, ma la grappa era (ed è) meravigliosa.

VERRIGNI, standB48: Sua Pastità è semplicemente geniale. Da Roseto il fusillo (fusilloro) per Eccellenza.

ZAFFERANO PURO IN FILI, stand E67: sui monti Sibillini lo zafferano perfetto per il risotto alla milanese. Grazie alla famiglia Mercuri.

 

 

 

 

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...