La Vineria Flora

One comment

C’era una volta la Vineria Flora di Capo d’Orlando, il ritiro per serate senza pensieri, il luogo per incontri poco banali e la cucina creativa di Fasone, chef atipico innamorato delle Eolie e del finocchietto.
Il posto dove si tirava mattina dopo le vittorie e ci si faceva venire mal di testa dopo lo sconfitte, il regno per la filosofia di Pozzecco e i sigari di Sacchetti.
Alla Vineria Flora, insieme a Mario, ho iniziato a cucinare per qualcuno.
Accadeva di giovedì, i coperti disponibili erano venti e il pezzo forte della rassegna stava nel “free bar” più che nelle pietanze. Almeno nei propositi.
Perchè da Fasone non sapevi mai cosa aspettarti: la prima sera fu capace di presentarsi a sorpresa con il cuoco giapponese e di inventarsi il sushi alla siciliana, e grazie ad Habiko la gente cominciò a parlarne, a venire e ad apprezzare.
A distanza di tanto tempo i ricordi rimangono straordinari, le ricette pure. Ve le proporremo qui.

1 comments on “La Vineria Flora”

  1. Mi piacerebbe impreziosire questo splendido articolo con un aneddoto. Tanto amante del “finochietto” lo chef atipico, che mi ritrovai con Geri e Claudia a raccoglierne mazzi di selvatico in una aiuola poco lontano dal centro cittadino per poi condirci una strepitosa passata di ceci. Era la cena di benvenuto a Meo, in casa Fasone…

Rispondi a Antonio Cancella risposta

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo di WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione /  Modifica )

Google photo

Stai commentando usando il tuo account Google. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione /  Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione /  Modifica )

Connessione a %s...

Questo sito utilizza Akismet per ridurre lo spam. Scopri come vengono elaborati i dati derivati dai commenti.