Gabriele Pinna, una pasta regale

Gabriele Pinna è da anni il punto di riferimento del basket biellese. E’ Direttore Responsabile di Eco di Biella e corrispondente per La Gazzetta dello Sport. E’ chiaramente una buona forchetta: anzi, ce lo permetterà, è una grandissima forchetta. Tanto per iniziare, ci regala un piatto di pasta. Godetevela.

PASTA REGNO DI SARDEGNA (con aperitivo)

Ricetta per due persone.

Ingredienti

160 grammi di bavette, ma vanno bene anche spaghetti e soprattutto gnocchetti sardi se prediligete la pasta corta.
Olio oliva extravergine, sardo possibilmente, consiglio San Giuliano acquistabile ormai ovunque nei grandi iper.
Botticino o confezione di bottarga di muggine.
Quella di tonno ha un sapore differente, un buon motivo per provarla due volte. Sono uova di pesce secche e ridotte in polvere, tanto per sapere a che tipo di gusto andate incontro, se il pesce vi piace abbondate pure nel condimento, se vi piace ma non vi fa impazzire andateci con calma. Se non vi piace il pesce lasciate perdere.
Prezzemolo, sale
Pecorino sardo stagionato da sparmigianare a volontà, anche se in questo caso il formaggio è un’addizione da golosi, la ricetta funziona ottimamente anche senza formaggio.
La preparazione è semplice:
scolate la pasta ancora al dente, nel frattempo, ma solo un paio di minuti prima, avrete messo sul fuoco acceso una padella con olio, prezzemolo tritato e bottarga.
Scolate la pasta e fatela saltare nel soffritto per poco meno di un minuto. E’ buona usanza, una volta nel piatto, mettere un pizzico di bottarga e prezzemolo non soffritti. Per i golosi, l’ultimo tocco è il pecorino.
Mangiare appena impiattata.

Beverage
Consiglio di bere Vermentino Villa Solais Cantina di Santadi, molto fresco, col quale potete anche organizzare un aperitivo alla bottarga fresca in attesa della pasta.

Aperitivo
La bottarga fresca va affettata come un salame, le fettine possono essere mangiate senza nulla, accompagnate con carta da musica o grissini.
Oppure in mezzo a bocconcini di mozzarella, tenuti insieme da uno stecchino (mio consiglio).
E’ anche buona affettata sottilissima e condita con olio e sedano tagliato altrettanto sottilmente, soddisfa esigenza di verdure delle signore.
Potete anche presentare le due variazioni, ci vuole un quarto d’ora.
Buon appetito.

Annunci

Rispondi

Inserisci i tuoi dati qui sotto o clicca su un'icona per effettuare l'accesso:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...